1324 Corporate Corporate

Keylog Spa scende in campo contro il Sars-Cov-2, il virus responsabile della pandemia Covid-19, con servizi di sanificazione e disinfettazione nonché bonifiche degli ambienti di lavoro e degli spazi. 

Dalla fine di marzo, ai tradizionali servizi di Pulizie industriali e civili, per fare fronte all'emergenza Covid-19, Keylog Spa ha creato una squadra di personale specializzato nella sanificazione di ambienti di lavoro chiusi (uffici, magazzini, laboratori, mense, bagni, spogliatoi etc) ma anche ambienti aperti (parcheggi, scale mobili e rampe di accesso) che possono essere luoghi di contagio e trasmissione del Virus. Secondo diversi studi, infatti, il virus potrebbe resistere sulle superfici per diverso tempo, addirittura nove giorni a seconda della porosità e delle condizioni di umidità e temperatura.

Il servizio è rivolto ai già clienti di Keylog Spa ma anche a tutte quelle aziende e quegli enti che si trovano operative e che devono quindi garantire la sicurezza dei propri lavoratori dai contagi di Coronavirus, come da decreto ministeriale. Le sanificazioni sono comunque importanti sia per le aziende in piena attività sia per le aziende temporaneamente chiuse che che dovranno riaprire alla fine del periodo di quarantena, senza rischi di trasformarsi in nuovi focolai.

A tal proposito, le circolari del Ministero della Salute, specificano quanto segue per gli ambienti non sanitari:

A causa della possibile sopravvivenza del virus nell'ambiente per diverso tempo, i luoghi e le aree potenzialmente contaminati da SARS-CoV-2 devono essere sottoposti a completa pulizia con acqua e detergenti comuni prima di essere nuovamente utilizzati. Per la decontaminazione, si raccomanda l'uso di ipoclorito di sodio 0,1% dopo pulizia. Per le superfici che possono essere danneggiate dall'ipoclorito di sodio, utilizzare etanolo al 70% dopo pulizia con un detergente neutro.
Durante le operazioni di pulizia con prodotti chimici, assicurare la ventilazione degli ambienti.
Tutte le operazioni di pulizia devono essere condotte da personale che indossa DPI (filtrante respiratorio FFP2 o FFP3, protezione facciale, guanti monouso, camice monouso impermeabile a maniche lunghe, e seguire le misure indicate per la rimozione in sicurezza dei DPI (svestizione). Dopo l'uso, i DPI monouso vanno smaltiti come materiale potenzialmente infetto.

La sanificazione degli ambienti dal Coronavirus risulta quindi una procedura complessa, soprattutto per la tutela degli operatori che la devono eseguire, ma anche per la difficoltà nel rimuovere con efficacia il virus da tutte le superfici, magari nei brevi intervalli di tempo definiti senza inificiare la produttività o la turnazione.